Easy Busy vuole darvi dei consigli sui metodi di pagamento corretti che potete usare per concludere un affare in tutta sicurezza.
Nel caso in cui tu abbia una partita Iva sai già che puoi emettere una fattura per il ricevuto pagamento.

Nel caso tu sia un privato (quindi un non possessore di partita Iva) e lavori per un altro privato devi emettere una ricevuta non fiscale per la prestazione occasionale.
La ricevuta deve essere completa di:

  • i propri dati personali
  • i dati del richiedente la prestazione
  • la data e il numero progressivo della ricevuta
  • l'importo concordato

Se la ricevuta ha un importo superiore ad euro 77,47 va applicata la marca da bollo di 2 Euro acquistabile dal tabaccaio. La marca da bollo deve avere data antecedente alla ricevuta emessa.

Nel caso invece tu sia un privato e stia effettuando un lavoro per un soggetto con partita Iva devi emettere una ricevuta non fiscale per la prestazione occasionale con ritenuta d'acconto. La ricevuta deve essere completa di:
  • i propri dati personali
  • i dati del richiedente la prestazione
  • la data e il numero progressivo della ricevuta
  • l'importo al lordo della ritenuta
  • la ritenuta d'acconto (pari al 20% dell'importo lordo)
  • l’importo al netto della ritenuta d'acconto che verrà pagato dal richiedente la prestazione 

Ti ricordo che per legge un privato non può emettere nel corso dell'anno ricevute per un totale superiore ad Euro 5.000,00, inoltre non può superare i 30 giorni di lavoro occasionale con lo stesso committente.

Easy Busy non vuole favorire in alcun modo i pagamenti in nero, ma incoraggiare la retribuzione in piena tracciabilità dei pagamenti. 

Non hai trovato una risposta alle tue domande?
Scrivici su info@easybusy.it